top of page

martedì 2, 9, 16, 23 luglio; 3, 10, 17, 24 settembre
ore 20/23

la compagnia Hangar Duchamp presenta
LABORATORIO ESTIVO:

NON PENSARE. SALTA.

a cura di Andrea Martella

dir. artistico di Hangar Duchamp e dei Laboratori del Teatro 7 Off

iscrizione 10€ + 80 euro/mese
in caso di pagamento anticipato di entrambe i mesi: 150 € e iscrizione gratuita.

info e prenotazioni: tel. 06.925.99.854 / whatsapp 3493142841 / mail: hangarduchamp@gmail.com

Hangar Duchamp è una compagnia teatrale nata nel 2017 attorno al regista e direttore artistico Andrea Martella, con l’obiettivo dichiarato di mettere in scena spettacoli non convenzionali e non allineati, costruiti attraverso un approccio laboratoriale, performativo e sperimentale, a partire dal corpo e dall’azione prima ancora che dalla costruzione psicologica dei personaggi. Il faro, l’ispirazione, è il movimento dada di inizio novecento, al quale, anche nel suo nome, la compagnia rende esplicito omaggio.

 

L’idea alla base del lavoro di Hangar Duchamp è che il contenuto psicologico della recitazione non venga negato, semplicemente non rappresenti il punto di partenza, ma di arrivo. L’aspetto primario, l’incipit e il fulcro della pratica attoriale è il corpo, sollecitato nella ricerca e nella costruzione di azioni archetipiche, tramite gesti ripetuti che possano strutturare una suggestione emotiva in grado di accogliere un significato. La parola, contenitore, involucro di senso, viene generata dall’atto performativo che le dona la sua qualità attraverso il suono e il coinvolgimento interiore indotto dall’azione. Il testo viene accolto dal gesto: dall'azione si parte, all'emozione si arriva.


Il workshop è aperto a tutte le persone interessate dai 16 anni in su, senza altri limiti di età, di livello o di esperienza. Hangar Duchamp è libertà, follia e divertimento. E' richiesta la disponibilità a lavorare insieme ad altre persone, sperimentare, mettersi in gioco. Il teatro al quale si ispira la compagnia si basa sulla totale assenza di logica, sul non-sense. Per affrontare questo tipo di lavoro è necessario non affidarsi alla propria razionalità, al significato delle singole parole, alla tendenza di dare un senso ad ogni esercizio proposto, ad ogni azione, ad ogni interazione, ad ogni singola frase o parola, lasciandosi invece andare alla sperimentazione, alla scoperta delle capacità del proprio corpo. Per questo, l’invito è sempre lo stesso per Hangar Duchamp, come un mantra: NON PENSARE. SALTA.

bottom of page